AVVISO IMPORTANTE PER TUTTI I LETTORI DI SCAVICCHIA LA NOTIZIA

Carissimi lettori di Scavicchia la Notizia. Ci siamo trasferiti ad un altro indirizzo. Volete venirci a trovare? Bene basta cliccare su questo nuovo indirizzo:
http://scavicchialanotizia.wordpress.com/

domenica 4 maggio 2008

CAPRI2.....PIU' CHE CAPRI, E' "CAPRIFUL"

RaiUno, in queste ultime settimane, ci sta, offrendo o propinando, in funzione dei gusti personali, ben due puntate di Capri2, la fiction isolana, grande successo dell’inizio stagione 2006-2007. Gli attori sono sempre gli stessi. Sergio Assisi, Gabriella Pession, Kaspar Capparoni, Isa Danieli e Carlo Croccolo su tutti. Da appassionato della prima serie, non potevo esimermi di gustarmi questo seguito. Ebbene, il gusto, almeno finora, è ancora troppo carente. Mi spiego meglio. La prima serie di Capri, infatti, sempre prodotta da Rizzoli, si distingueva da tutto il resto, per il forte tono di commedia che in esso era contenuto. La bravura di Isa Danieli, di cui abbiamo già parlato e che rimane intatta, complice il successo della coppia Assisi-Pession, miscelato al già noto Capparoni fecero il resto. Nel confronto diretto e non, I Cesaroni impallidivano in quanto a risultati auditel. Divertimento, ironia, stravaganti situazioni erano oggetto di numerose puntate dagli ascolti estremamente elevati. Cosa è successo ora? Capri è cambiata. Per fortuna non l’isola, ma il fil-rouge che collega tutte le puntate di questa nuova serie, sembra essersi spostato troppo verso il romantico, il fidanzamento a tutti i costi, il formare coppie, combinando i personaggi gli uni con gli altri. Avevo già fatto questa riflessione, ma, ad essere sincero, a spingermi nella scrittura di questo post è stata proprio una dichiarazione di Sergio Assisi a riguardo, a seguito di una domanda del giornalista di Diva e Donna:
Gli ascolti sono buoni, ma un po’ lontani dal boom del primo Capri.
Questo dipende da scelte che io avrei fatto in modo diverso.
Scelte di intreccio o di messa in onda?
Entrambe. Io avrei lasciato di più i toni della commedia, tipici della prima serie. E aprile e maggio,per la messa in onda, con le belle serate di primavera che invogliano ad uscire, non ti garantiscono gli ascolti dell’autunno.
Ho criticato in passato Sergio Assisi, ma ora non posso che dargli ragione, soprattutto per quanto riguarda la tematica strettamente connessa ai contenuti della fiction che lo vede protagonista. Ed allora tutto ciò che piano piano si stava delineando nella mia personale critica, si è rafforzato, ha preso contorni ben definiti e netti. Se persino un attore, all’interno della serie stessa, ha avvertito la stessa sensazione, vuol dire che la mia impressione non è del tutto sbagliata. Un continuo amore tormentato, sembra quasi rimandi alla serie Orgoglio, fiction Rai che non consiglio se si vuol rimanere “televisivamente parlando”, leggeri. Il tono giallo che è stato posto al centro dell’attenzione sin dalla presentazione, solo ora, dopo tante puntate, sta incominciando a definirsi, con il personaggio new entry di Luca Ward, Cosimo, che solo ora sembra avere senso. Un po’ tardi, almeno in proporzione alle mie personali attese. E da qui nasce il mio titolo. Capri sembra divenire sempre più simile a Beautiful. Deve essere tanta la memoria per ricordare coppie amorose, passate e presenti. Figli di chi e con chi. Avverto una forzata volontà di cambiamento. Un cambiamento che per ora, basandomi sui soli ascolti e sul mio personale gusto, non sta avendo ragione. Aspettiamo il termine, nella speranza di poter correggere quanto appena scritto....

5 commenti:

Anonimo ha detto...

ahahhaha..Capriful..ahaha

Corrado ha detto...

Ciao Boris :)
sai che non potevo non commentare il tuo post su Capri :P

H aragione Assisi, ci riflettevo proprio stasera mentre vedevo la puntata. Quest'anno si è puntato troppo sul lato del giallo, tralasciando la commedia in un ruolo secondario, anche se comunque, per fortuna, rimane sempre un pò presente, garantita appunto, da Reginella e Totonno.
Capriful. Vero.
Esempio, oltre all'infinita storia tra Massimo e Vittoria?
Le storie adolescenziali di Giada, di cui non ce ne può fegare di meno.
:)

Corrado ha detto...

Ciao Boris :)
sai che non potevo non commentare il tuo post su Capri :P

H aragione Assisi, ci riflettevo proprio stasera mentre vedevo la puntata. Quest'anno si è puntato troppo sul lato del giallo, tralasciando la commedia in un ruolo secondario, anche se comunque, per fortuna, rimane sempre un pò presente, garantita appunto, da Reginella e Totonno.
Capriful. Vero.
Esempio, oltre all'infinita storia tra Massimo e Vittoria?
Le storie adolescenziali di Giada, di cui non ce ne può fegare di meno.
:)

Expedit ha detto...

Ciao Corrà!...:D
Grazie..:D

In ogni caso, lo sto dicendo da un pò, a me sto Capri sta piacendo molto meno della scorsa edizione. Troppe storie, e troppo insipide. Sto Luca Ward che improvvisamente da personaggio solare e raffinato, diventa un burbero e misterioso. Troppo forzato.

Le storielle della figlia di Assisi che sono più interessanti di un documentario di Piero Angela sulle formiche bianche....
Quella tra Lucia e Falco poi peggio delle previsioni del tempo del Canada..

Insomma. Un pò deluso. E mi ha stupito proprio il fatto di essere d'accordissimo con Assisi. E' stato molto sincero, questo va detto...

L'anno scorso c'era cmq un unica storia, quella di Vittoria che doveva scegliere tra l'uno e l'altro. Poi il resto era più commedia, più allegro, festoso. Ora sembra un continuo lascio e rilascio di coppie e varie...bah..

Ciao Corrà..:)
E grazie ancora..:D

Anonimo ha detto...

k bll k è capri....nn me perdeo na puntata....ma invice st'edizione nn è k me piace tnt...!


un kiss sau...!