AVVISO IMPORTANTE PER TUTTI I LETTORI DI SCAVICCHIA LA NOTIZIA

Carissimi lettori di Scavicchia la Notizia. Ci siamo trasferiti ad un altro indirizzo. Volete venirci a trovare? Bene basta cliccare su questo nuovo indirizzo:
http://scavicchialanotizia.wordpress.com/

giovedì 13 novembre 2008

SCAVICCHIAMAIL: NOI, FIGLI DI ENDEMOL...?

Scrivere per un blog implica, in maniera quanto mai necessaria, l’accettazione di alcune regole che ai fatti risultano non scritte. Una di queste è che prima o poi, volente o nolente, il tuo punto di vista emerge, il tuo carattere ha, seppur in ambito puramente virtuale, dei delineamenti noti a chi ti legge. Quando poi scrivi e parli di televisione, oggetto preso in esame dai più non tanto per le tante facciate di cui si compone quanto per lo spasmodico tifo nutrito per i differenti prodotti di esso, razionalmente effimero e pressappochista, il confronto, il dibattito è all’ordine del giorno. Fazioni, schieramenti senza senso, boom e flop gli unici due termini con i quali etichettare ciò che la tv passa, l’Auditel l’unico metro di giudizio, azzerando ogni qualsiasi possibilità relativa a gusti e a soggettività. C’è una cosa che colui che si diletta a criticare il mezzo deve sempre tenere in considerazione, miscelandola a ciò che poi attira e piace: l’obiettività. Certo, è naturale, trovare l’emblema vivente del concetto del super partes è un qualcosa di relativamente impossibile, ma la continua ricerca di questo sicuramente aiuta. Tutto ciò, adesso, perché? Capita spesso, a me, ad Expedit, di avere a che fare con qualcosa che, per i miei, per i suoi gusti, può risultare sconcertante e perciò da analizzare partendo dalla propria opinione in merito. E allora nel nome della passione che nutriamo nei confronti della scatolina nera che tanto esercita presa sugli italiani, cerchiamo di dare spiegazione a quel movimento, a quella trasmissione, a quel personaggio, a quella dinamica. Così come giusto che sia nel momento in cui si condividono, gomito a gomito, gioia ed entusiasmo nel fare un qualcosa come, per l'appunto, scrivere un blog insieme.

Televisivamente parlando, una delle ultime cose che mi ha dato non poco a pensare era uno strano raddoppio di Paperissima. Ne parlammo in un post apposito, con toni meno dissacratori rispetto a quelli che si sarebbero potuti utilizzare. Diciamoci la verità: piazzare un’appendice, identica in tematica, ma differente in conduzione e forse neanche, dopo una trasmissione in prime-time, quale altra chiave di lettura avrebbe potuto avere se non quella di una ricerca ansimante di vittoria e supremazia? Gli ascolti, in questo primo “scontro” con il competitor I migliori anni di Carlo Conti hanno dato la vittoria al concorrente e quindi il tutto si è tradotto in buco nell’acqua (rispetto agli intenti). Leggo, però, un commento che mi ha fatto riflettere, e che vorrei riportare su perché, per quanto si possa pensare, è pur sempre bello discutere con chi la pensa differentemente da te ed è stimolante vedere come – parlo a livello puramente personale – il tifo accechi quelli che sono poi dati di fatto (o sono io l’accecato?):
Caro sfegatato fan Endemol,

hai scritto una bella favola: un malvagio eroe che insidia senza pietà gli innocenti Insinna e Conti. Peccato che proprio come accade per le favole, quanto hai scritto è in gran parte inventato.

Nel 2008 sono andate in onda quattro puntate di Paperissima terminate attorno alle ore 23.00. Il programma non è stato diviso come hai scritto. Al termine della trasmissione condotta da Gerry Scotti e Michelle Hunziker, venerdì 7 novembre, è andata in onda una replica di “Paperissima Sprint”, terminata alle 23.44, orario di chiusura per diverse settimane anche de “I migliori anni”. Un’operazione vincente che ha permesso a Canale 5 di risultare leader in prima e seconda serata.

Ti consiglio poi di rivedere i dati d’archivio dell’edizione 2006 di Paperissima, iniziata sempre dopo le ore 21.00 e non come scrivi tu “alle 21 precise”. Accanto a “Quaglissima del Noce”, mandata in onda con regolari intervalli pubblicitari, era stata creata un’ appendice anche da Bum Bum Bum di Affari Tuoi: “Affari Tuoi replay”, una sorta di “Meglio di”.

Strano questo accanimento da parte tua e strano che tu definisca mezzucci le irregolarità riscontrate nel programma “Affari Tuoi”, non solo da Striscia ma soprattutto dal Codacons che proprio nelle scorse settimane ( il 28 ottobre 2008) ha presentato un esposto all’Antitrust per i troppi pianti dei concorrenti, per alcuni ’sospetti’, e per la strana casualità che vede i premi più elevati rimanere troppo spesso nei pacchi finali, in barba a qualsiasi legge statistica.

Sono un malpensante se penso che tutto ciò sia figlio di qualche mente Endemol?
Qual è il dispiacere primario (ed unico)? L’avere a che fare con una persona che non si è firmata e che è rimasta, perciò, anonima. Sinceramente questo è l’unico motivo di un personale malcontento. Detto questo, parole ai fatti: il post intitolato Antonio Ricci e il raddoppio di Paperissima: quando si vuole per forza vincere evidenziava il comportamento dell’autore non tanto circoscritto all’episodio, quanto piuttosto è sinonimo della presa in esame di questo determinato episodio per colorare, con toni generali, l’operato dell’autore di Striscia la notizia. Un modo come un altro, sfruttando ciò che era stringente all’attuale e cavalcando per questo la cresta dell’onda della notizia cocente, per esprimere un personale punto di vista. Beccarsi dello sfegatato fan di Endemol (quasi come se ci lavorassi, poi: per inciso studio e non aggiungo altro) è bello e straniante allo stesso tempo. Credo che il commento di cui sopra sia invece figlio di una presa di parte, senza la volontà di aprire gli occhi. Invito la stessa persona non solo a palesarsi, sotto un nickname di sua preferenza, quanto piuttosto a dare spiegazione di questa mossa messa in piedi da Antonio Ricci. Io ho provato: lui, o lei, no.

Naturalmente, se vogliamo mettere i puntini sulle i, io sono il primo che denuncia l’oscenità di quanto trasmesso da Affari Tuoi, rimanendo non poco sbalordito dinanzi a ciò che avviene quotidianamente. 500.000€ dati via come pane al mattino, 250.000€ come giornali free in metropolitana e 100.000€ come uova in salumeria e a volte c’è anche il caso come di fare colazione completa come successo ieri sera, dividendo una puntata a metà ripresa tra pochissimo. Di Insinna e Conti, francamente, poco mi interessa la difesa. Non sono un avvocato, non voglio esserlo in futuro e sarebbe sterile difendere una persona con cui non niente da dividere. Peccato che, però, il replay di Bum bum bum durasse pochi minuti, peccato che il mio 21 precise avesse un significato da leggersi tra le righe, peccato che io non abbia scritto che questa edizione di Paperissima sia stata divisa. Con la speranza di rileggerci.

Solo un malpensante se penso che tu abbia un pochino troppo a cuore le questioni che riguarderebbero solo la persona di Antonio Ricci?
Non ce ne sarebbe bisogno, davvero. Ma in ogni caso preferisco farlo, con l'intento di un appoggio, seppur virtuale, al mio amico più che collega ElBarto. La scrittura di un blog, la possibilità di esternare una propria idea, una propria opinione, di sviscerare una critica o di incensare un personaggio è facoltà di tutti, fortunatamente. Non necessariamente la messa in evidenza di "ingiustizie" rappresenta, in maniera univoca, lo "schierarsi da una sola parte". Pensarla in questo modo, ahimè, rappresenta fonte di grande svilimento per lo spirito critico di colui che si accinge, indipendentemente dai risultati, a parlare di televisione. O sbaglio?
Expedit

5 commenti:

ITAL ha detto...

E' normale scrivendo e postando su un blog ... ricevere critiche e provocazioni ...
Questo è un segnale chiaro che nel vostro piccolo fate contatti e siete letti.
Le critiche rimangono il sale del confronto se fatte in modo pacato e intelligente ...
Spesso noto che le opinioni di El Barto e Exp divergono ... su alcuni programmi o situazioni della nostra tv ... e questo è gia
un buon segno ... che il blog che curate ... non va in un senso unico ... se nn quello di essere appassionati della scatola nera magica...
Nel merito ... paleso, come + volte ho fatto, la mia simpatia per Antonio Ricci e i suoi programmi ( soprattutto Striscia ) ma è evidente che nel post ... nn si diceva altro che l'allungo ... era dettato dalla decisione editoriale ( di Mediaset )di risultare a proprio modo vincenti nella serata venerdi ... e d'altronde a mio parere Ricci ama ( e chi non vorrebbe esserlo ) essere un vincente ...a suo modo !
Da qui a essere ... tacciati di figli della "Endemol" ... la cosa
mi sembra ... un pò esagerata ...
A meno che ( scherzo ) ... l'anonimo utente ... nn abbia informazioni riservate sui blogger di scavicchia ...che io nn ho !!!

ITAL ha detto...

Questo lo dice tra l'altro ...
un assiduo telespettatore de I Migliori Anni ...: l'amarcord di Conti ben realizzato ... mi piace parecchio ... e mi diverte...
Per terminare ... su tutte le reti tra spezzetamenti, allungamenti ed escamotage vari ... si cerca di "abbellire" i propri risultati ottenuti ... non è una novità di certo ...
Del resto anche a Del Noce ... piace vincere ...
Ricordo per salvare qualche punto di share in pt ... nella scorsa stagione autunnale AT andò avanti fino alle 21.50 ...al sabato...
per bilanciare il flop del Treno contro C'e Posta ...e far proprio ben figurare la media di pt ...

El Barto ha detto...

Ciao, ITAL :)
Grazie mille, prima di tutto.
Sìsì, io e Mr. Exp da un punto di vista strettamente televisivo siamo agli antipodi. Ed è questo il bello dello gestire un blog insieme. Non lo diamo a vedere, ma anche noi siamo "schierati". Ti sfido a capire da che parte ahahah :D

Guarda, io ti posso dare la sicurezza di non essere figlio di nessuna mente Endemol ahahahah altrimenti non abiterei dove abito :D E metto la mano sul fuoco che lo sia Exp :P

L'unico motivo che mi ha spinto a scrivere quel post era la "denuncia" di quella che io vedevo come un qualcosa di irregolare. Poi che si debba essere tacciati di essere figli Endemol... bah :D

Expedit ha detto...

Ciao carissimo ITAL..:)
Ti ringrazio anche io per le belle parole spese in nostro favore. In ogni caso mi fa piacere che, in ogni caso, il post di Paperissima, come d'altronde tanti altri, palesi il fatto che, qui, non si è assolutamente schierati da nessuna parte. Scrivere per conto di qualcuno, d'altronde, credo sia una delle cose più deprimenti che possano esistere, svilendo la propria intelligenza ed autonomia, no?..:D
In ogni caso, come ha anticipato Bartolino, il fatto di avere gusti televisivi, credo sia una questione del tutto normale. Una diversa visione del mezzo televisivo, dei personaggi, di alcuni prodotti, credo sia il vero motore per un blog. E meno male!

Il problema, ed ecco la mia condivisione nella scrittura di questo post, è quello di capire che, criticare una trasmissione o un personaggio, non significa necessariamente essere di parte. Questo è il bello di un blog, e soprattutto di una autonomia intellettuale..:)

SAluti

ITAL ha detto...

Mr Exp
-----criticare una trasmissione o un personaggio, non significa necessariamente essere di parte----
Vero ... anzi verissimo
( ogni riferimento al programma tv è puramente casuale ).
Lasciamo il tifo da stadio ... in altri lidi ...