AVVISO IMPORTANTE PER TUTTI I LETTORI DI SCAVICCHIA LA NOTIZIA

Carissimi lettori di Scavicchia la Notizia. Ci siamo trasferiti ad un altro indirizzo. Volete venirci a trovare? Bene basta cliccare su questo nuovo indirizzo:
http://scavicchialanotizia.wordpress.com/

mercoledì 21 gennaio 2009

DIMMI LA VERITA’, CATERINA BALIVO: PEGGIO TU, LA TUA ASCESA O IL TUO PROGRAMMA? GIUDIZI, COMMENTI E CRITICHE DI UNO SCEMPIO A 360 GRADI

Che le Del Noce’s Angels stiano facendo una grandissima (!) e velocissima carriera è sotto gli occhi di tutti, altrimenti non si spiegherebbe questo loro uso e consumo in tutte le salse e in tutte le ore della giornata televisiva di Raiuno, la rete diretta da Fabrizio Del Noce (per quanto ancora?). Se si potesse stilare una vera e propria classifica di preferenza, non nostra – già però data – da parte del diretùr nei confronti delle quattro dolci e speranzose pulzelle, sicuramente emergerebbe nel gruppo Caterina Balivo. Ragioniamo un attimo. Elisa Isoardi, fino allo scorso anno, la maggior parte della popolazione italiana ignorava chi fosse – ammesso e non concesso che adesso qualcuno la conosca! – visto che ha condotto Italia che vai, adesso non ritrovata nei palinsesti di rete, ed Effetto sabato, adesso “conquistato” dal duo Landi Calvani (chi?). Eleonora Daniele, famosa perché concorrente al Grande Fratello – quando si parla di fato: se Luana Spagnolo, rea di aver già partecipato ad un concorso indetto dalla famiglia Mirigliani (adesso dovrebbero far fuori tre quarti del cast, come cambiano i tempi, signora mia), non fosse stata eliminata, ora non sarebbe nessuno la Daniele! – milita da anni silenziosamente nel contenitore Uno Mattina cambiando di anno in anno partner e approdando solo in rarissimi casi in prima serata, ultimamente con il suo bruttissimo Ciak, si canta!. Veronica Maya che si accontenta (sparlando sulla concorrente) del suo piccolo tribunale di Forum, ops… di Verdetto Finale raggranellando spettatori su spettatori ed in odor di prima serata con il poco gradito Incredibile!. E poi c’è lei, la Balivo: ha iniziato con la Daniele ad Uno Mattina e poi exploit! Miss Italia nel Mondo, Festa Italiana, Napoli prima e dopo, valletta a destra e a manca prima, conduttrice di punta (eh?) poi. Sì, perché Raiuno le ha affidato un ciclo di puntate del suo show Dimmi la verità per la prima serata del martedì.

Sì dirà: ma questa non è stata l’unica trasmissione guidata dalla Balivo in prime time per la prima rete della televisione di Stato. E si dirà ciò nella consapevolezza di avere ragione, naturalmente, perché in estate è stata anche testata la rivisitazione del carino Fratelli di test di Carlo Conti rinominato Usa la testa!, quella stessa testa che la dolce Caterina, evidentemente, non ha proprio avuto nel valutare bene la proposta relativa alla riproposizione della seconda edizione di Dimmi la verità, accecata dalla volontà di approdarvi a tutti i costi. Perché un minimo di buonsenso, di oggettività e di gusto critico avrebbe senz’ombra di dubbio evitato tale scempio. Dimmi la verità è uno scempio. Semplicemente.

La cosa bella, per assurdo, è che una prima edizione aveva già messo in evidenza la carenza del format e della sua idea, fotocopiata (ancora!) dal godibile Se sbagli ti mollo della coppia LeofreddiCirilli. Una squallida gara tra coppie retta dalla mania del voyeur e dalla morbosità tutta italiana, dalla voglia di capire quale sia la natura dell’alchimia vincente nell’amore scoccato tra le svariate dinamiche della televisione nostrana. E poi: basta con la macchina della verità, non se ne può davvero più. Presentata come la novità e l’essenza del programma, l’uso che se ne fa andava bene per programmi poco avvezzi alla tecnologia, tipo nel cuore degli anni ’90. Adesso viene quasi da rimpiangerne l’utilizzo a fini trash fatto del mezzo da parte di Maurizio Costanzo nella sua Buona Domenica per aizzare liti ed urla, con tanto di Roberta Bruzzone con voce fortemente maschile ad annunciarne il risultato finale ottenuto. Da televisione locale, nella maniera più assoluta. A condire con gusto ancora meno saporito è la conduttrice di cui sopra, quella Balivo algida, fredda, in via di appropriarsi del Treno dei desideri di Antonella Clerici, dalla quale traspare solo saccenza e pienezza di sé. Insomma, se per Ciak, si canta! valeva il discorso del target adulto amante di tale tipologia di trasmissione, per Dimmi la verità ne vale un altro, uno ed uno solo: l’ostinazione nell’imporre una ragazza senza arte né parte, e senza neanche tutta questa beltà tanto declamata, fortemente rifiutata dal pubblico televisivo. Gli ascolti, mai come in questo caso, parlano.

4 commenti:

Jimmy ha detto...

Che Programma orrendo, e questa qui è proprio insulsa!

El Barto ha detto...

Jimmy, allora non sono l'unico a pensarla così...:D

sara_svizzera ha detto...

cate sei grande!!!

Anonimo ha detto...

ho sempre pensato che la balivo fosse una puttana senza la minima consapevolezza di quello che diceva disposta a tutto pur di fare l'ennesimo programmino da sciaquetta e poi è cosi noiosa